La regione Lombardia ha pubblicato l'avviso "Formazione Continua" finalizzato a valorizzare il capitale umano per incrementare la competitivitá, promuovendo e migliorando le competenze professionali di uomini e donne occupati nelle attivitá lombarde, siamo essi lavoratori, imprenditori o liberi professionisti.

La singola impresa o il gruppo di imprese liberamente aggregatosi o i professionisti che intendono promuovere corsi di aggiornamento e riqualificazione del proprio personale:

  • possono prendere visione dell’elenco dei soggetti attuatori accreditati nell’elenco pubblicato nel sito della Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro, Allavoce HomeServizieinformazioniEntieOperatoriIstruzioneAccreditamentooperatori, sono riportati  i soggetti che erogano attività di formazione iscritti alle sezioni A o B dell’Albo regionale degli operatori accreditati.
  • individuare un Soggetto Attuatore con il quale definire un progetto, dettagliandolo in una o più azioni formative necessarie per sostenere le linee di sviluppo dell’impresa o delle singole imprese partecipanti, con riferimento al personale, destinatario della formazione, che deve essere in forza a unità produttive con sede nel territorio regionale della Lombardia. Le imprese non devono rientrare nelle specifiche esclusioni di cui all’art. 1 commi dal 2 al 5 del Regolamento (UE) n. 651/2014.

I progetti dovranno riguardare le tematiche:

  • processi di riorganizzazione a fronte di nuovi investimenti o l'introduzione di innovazione di processo
  • Promuovere lo sviluppo di competenze ad alto contenuto tecnico o manageriale Favorire approcci e strategie innovative di sviluppo

Non é ammessa la modalitá FAD o elearning.

I corsi devono avere una durata tra le 16 e le 64 ore e le classi devono essere al massimo di 10 allievi.

Per la presentazione vi sono diverse finestre di scadenza. CONSULTARE QUI

 

La Regione Piemonte ha stabilito i nuovi indirizzi per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato anche a favore di lavoratori autonomi all’avvio dell’attività.

Con successiva determinazione regionale saranno fornite le modalità e le tempistiche per presentare richiesta di finanziamento.

Saranno considerati prioritarii i finanziamenti per le lavoratrici autonome.

Per i professionisti il finanziamento andrà da un minimo di 5.000€ a un massimo di 60.000€ e sarà teso a coprire fino al 100% dell’investimento.

QUI il sito della FinPiemonte per monitorare l’evolversi dell’iter.

 

La Regione Emilia Romagna ha stanziato 3 milioni di euro su un bando destinato ai liberi professionisti.

Il bando è finalizzato al supporto di soluzioni Ict per le attività delle libere professioni e l’implementazione di servizi e di soluzioni avanzate in grado di incidere significativamente sull’organizzazione interna, sull’applicazione delle conoscenze, sulla gestione degli studi e sulla sicurezza informatica.

I progetti dovranno contribuire a creare opportunità di sviluppo, consolidamento e valorizzazione delle attività libero professionali tramite la realizzazione d’interventi per:

  • favorire lo sviluppo, la strutturazione delle attività libero professionali e il loro riposizionamento
  • facilitare l‘affiancamento dell’attività professionale ai processi di efficientamento della pubblica amministrazione
  • incentivare gli investimenti in nuove tecnologie, innovazioni di processo, in tecnologie informatiche
  • diffondere la cultura d’impresa, dell’organizzazione e della gestione/valutazione economica dell’attività professionale
  • consolidare le realtà professionali attraverso la stabilizzazione del lavoro

I progetti per i quali viene presentata domanda di contributo dovranno avere una dimensione minima di investimento pari a complessivi € 15.000,00 fino a un massimo di € 25.000 e il contributo coprirà il 40% dell’investimento.

Per partecipare al bando, vi sono 2 finestre:

-       dalle ore 10.00 del giorno 3 maggio 2017, fino alle ore 17.00 del giorno 31 maggio 2017. Le risorse disponibili per i progetti presentati in questa finestra ammontano ad € 1.000.000 

-       dalle ore 10.00 del giorno 12 settembre 2017, alle ore 17.00 del giorno 10 ottobre 2017. Le risorse disponibili per i progetti presentati in questa finestra ammontano ad € 2.000.000 

Tutta la documentazione QUI

 

La regione Lazio ha emanato il bando “Innovazione sostantivo femminile” cui possono partecipare anche le libere professioniste. Il bando è rivolto a:

  • -       Promuovere l’adozione e l’utilizzazione di nuove tecnologie per favorire l’introduzione di innovazione nei processi produttivi e nell’erogazione di servizi al fine di incrementare laproduttivitá
  • -       Sostenere la creazione e lo sviluppo di idee e progetti innovativi da parte delle donne, promuovendo la creativitá e la valorizzazione del capitale umano femminile, attraverso il supporto a soluzioni ICT nei processi produttivi

I progetti devono riguardare lo sviluppo di prodotti, soluzioni o servizi innovativi coerenti con le aree di specializzazione prevista dalla Smart Specialization Strategy, tra cui:

  •       Agroalimentare
  •       Energia ed ambiente
  •       Scienze della vita e benessere

Le domande vanno presentate tra il 24 aprile e il 31 ottobre 2017 e verranno finanziate in ordine cronologico di presentazione.

Altre informazioni e documenti utili QUI

 

Come preannunciato in conferenza stampa, la regione Calabria ha riaperto i termini del bando “Macchinari e Impianti”.

Dal 28 febbraio (fino ad esaurimento fondi) sará possibile, anche per i liberi professionisti, presentare domanda per favorire i processi di rafforzamento e ristrutturazione, l’introduzione di innovazioni produttive, l’efficienza ed il risparmio energetico, la qualificazione della capacitá produttiva, l’incremento dei livelli occupazionali e la competitività sui mercati di riferimento.

Il bando prevede la concessione di un contributo fino al 70% del costo sostenuto per un massimo di 200.000 euro.

In particolare, per quanto di mostro interesse, il bando è riservato alle imprese e ai professionisti operanti nelle aree di innovazione S3, di particolare interesse strategico per la regione.

Appartengono alle S3 i professionisti operanti nelle aree:

-       Agroalimentare

-       Ambiente e rischi naturali

-       Scienze della vita

Ai fini della verifica dell’appartenenza fará fede il codice ATECO.

 

http://calabriaeuropa.regione.calabria.it/website/bando/289

 

 

Enpab

  • Sede: Via di Porta Lavernale 12, 00153 Roma
  • Ufficio CONTRIBUTI E PRESTAZIONI e l'Ufficio ASSISTENZA sono ubicati in via della Fonte di Fauno 25 - 00153 Roma

    La nostra sede è raggiungibile dalla stazione Termini con la Metro linea B direzione Laurentina fermata Piramide. Dal G.R.A. uscita n. 23 Appia e proseguire per la strada Appia antica direzione colle Aventino.

Seguici su

Gruppi riservati ai vincitori di Bandi o ai selezionati per il progetto

Contatti

Si informano gli iscritti che gli uffici dell'Ente forniranno informazioni telefoniche nei seguenti orari:

dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Tel. 06 45 54 70 11
Fax 06 45 54 70 36

Torna su