Il Fondo rotativo della regione Lazio offre finanziamenti agevolati, aperti anche ai liberi professionisti, per progetti di importo non inferiore ai 10.000€.

Il finanziamento può coprire anche fino al 100% del progetto e ha queste caratteristiche.

  • importo: minimo 10.000, massimo 50.000 euro;
  • durata: minimo 12 mesi, massimo 36 mesi;
  • preammortamento: massimo 12 mesi, in caso di finanziamenti di durata pari o superiore a 24 mesi;
  • tasso di interesse: zero;
  • rimborso: a rata mensile costante posticipata.  

http://www.lazioeuropa.it/bandi/fondo_rotativo_per_il_piccolo_credito_39_milioni_per_le_imprese-453/

La regione Basilicata ha ulteriormente differito il termine per la partecipazione al bando Start and Growth al 15/12.

Possono accedere al bando :

  • I singoli liberi professionisti che abbiano avviato la propria attività da non più di 60 mesi
  • Gli aspiranti liberi professionisti in forma singola
  • Associazioni tra professionisti
  • Società tra professionisti

L’agevolazione è concessa a fondo perduto per il 50% dell’investimento tra i 10.000 e i 40.000 euro.

http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/department.jsp?dep=100055&area=3020202&level=1

BANDO DIRETTO ECONOMIA BLU

E’ stato emanato un bando diretto, ovvero erogato direttamente dalla Comunità Europea e che finanzia progetti intereuropei, per progetti nel settore dell’economia blu: energie marine rinnovabili, biotecnologie blu, turismo costiero, pesca e acquacoltura, trasporti marittimi, cantieristica e riparazioni navali, navigazione, gas e petrolio offshore.

L’obiettivo è creare le condizioni per accelerare il piano dispiegamento dell’economia blu, in tutta Europa e nel Mediterraneo, consolidando gli sforzi e gli sviluppi recenti a sostegno dello sviluppo sostenibile dei settori dell’economia blu, anche rafforzando la resilienza degli ecosistemi marittimi e costieri e realizzando azioni per il loro ripristino.

Possono partecipare al bando persone giuridiche pubbliche o private attive nel campo dell’economia blu: quindi i biologi potrebbero inserirsi come responsabili di una parte del progetto o di un’attività all’interno del progetto.

Sostanzialmente il biologo riceverebbe un incarico dalla persona giuridica che vinca il bando. Quindi le possibilità sono: cercare una società che intenda partecipare al bando o sollecitare una società con cui si è in contatto a partecipare.

Il bando è diviso in 4 capitoli:

  • Progetti di dimostrazione volti a portare le tecnologie blu sul mercato
  • Rifiuti marini
  • Reti blu nel Mediterraneo
  • Ripristino degli ecosistemi marini in area MED

Le scadenze per la presentazione delle candidature sono:

> 28 febbraio 2018 per progetti relativi ai capitoli 1 e 3

> 8 febbraio 2018 per progetti relativi ai capitoli 2 e 4.

https://ec.europa.eu/easme/en/sustainable-blue-economy

La regione Emilia Romagna ha apportato rilevanti modifiche alle disposizioni sul Fondo Microcredito istituito ai sensi dell'art 6 della legge regionale 23/2015 (Legge di stabilità regionale 2016) che promuove l'accesso al credito dei liberi professionisti, degli artigiani e delle imprese artigiane, delle micro imprese operanti sul territorio regionale.

Le finalità del finanziamento richiesto potranno riguardare, a titolo esemplificativo:

  • l'acquisto di beni, ivi incluse le materie prime necessarie alla produzione di beni o servizi e le merci destinate alla rivendita, o di servizi strumentali all'attività svolta;
  • il pagamento di corsi di formazione, anche di natura universitaria o post-universitaria, volti ad elevare la qualità professionale e le capacità tecniche e gestionali del lavoratore autonomo, dell'imprenditore e dei relativi dipendenti; i finanziamenti concessi alle società di persone e alle società cooperative possono essere destinati anche a consentire la partecipazione a corsi di formazione da parte dei soci;
  • esigenze di liquidità connesse allo sviluppo dell'attività compreso il costo di personale aggiuntivo;
  • investimenti in innovazione, in prodotti e soluzioni di ICT, sviluppo organizzativo messa a punto di prodotti e/o servizi che presentino potenzialità concrete di sviluppo e consolidamento di nuova occupazione;

Possono accedere i titolari di partita IVA da non più di 5 anni e che abbiano un fatturato dichiarato non superiore a 100.000 €

Qui il sito di Unionfidi

http://www.unifidi.eu/Home.aspx

e qui la scheda tecnica del microcredito

http://imprese.regione.emilia-romagna.it/Finanziamenti/industria-artigianato-cooperazione-servizi/fondo-regionale-microcredito

Le domande possono essere presentate fino al 31/12/2017 presentandosi agli Sportelli Territoriali segnalati sul sito di Unifido.

La Regione Molise ha prorogato i termini di accesso all'avviso Azione 3.1.1 "Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale" a valere sul POR FESR FSE Molise 2014-2020.

Scopo dell'intervento è sostenere gli investimenti nelle imprese molisane, per favorire i processi di rafforzamento e ristrutturazione aziendale. Si tratta di sostenere progetti che permettano un salto qualitativo delle imprese incentivando investimenti che favoriscano processi di innovazione produttiva e di efficienza energetica e la competitività delle imprese.

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  1. a) progettazioni ingegneristiche riguardanti gli impianti, sia generali che specifici, studi di fattibilità economico-finanziaria, collaudi, spese di fidejussione, nel limite del 5% dell'investimento ammissibile di cui alla lettera c);

    b) beni immobili nel limite massimo del 40% dell'investimento ammissibile di cui alla lettera c);

    c) macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica; mezzi mobili se strettamente necessari al ciclo produttivo e se al servizio esclusivo della struttura produttiva oggetto dell'agevolazione;
  2. d) impianti generali (impianti elettrici, idrici, tecnologici ecc.) Strettamente necessari per l'installazione e collegamento dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi e opere murarie connesse alla realizzazione di tali impianti; tali spese non possono superare il limite del 10% dell'investimento ammissibile di cui alla lettera c);

    e) programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali del proponente, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l'attività svolta nell'unità produttiva interessata dal programma;

  3. f) servizi reali che consentano la risoluzione di problematiche di tipo gestionale, tecnologico, organizzativo, commerciale, produttivo e finanziario; tali spese non possono superare il limite del 10% dell'investimento ammissibile di cui alla lettera c).


Possono presentare domanda di agevolazione i liberi professionisti, e loro associazioni, equiparati ai sensi dell'art. 12 commi 2 e 3 della Legge 22 maggio 2017, n. 81 alle Piccole e Medie Imprese ai fini dell'accesso alle agevolazioni previste dalla programmazione dei fondi strutturali 2014-2020, che, alla data del 2 ottobre 2017 siano titolari di partita IVA e intendano realizzare un intervento presso una sede operativa ubicata sul territorio molisano. Qualora, all'atto della presentazione della domanda, il libero professionista non abbia un'unità operativa sul territorio della Regione Molise presso cui realizzare l'intervento, l'apertura della stessa deve avvenire entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla ricezione della comunicazione di ammissione alle agevolazioni. Entro il medesimo termine deve essere trasmessa la relativa documentazione alla Regione Molise.

Possono anche presentare domanda le persone fisiche che vogliano intraprendere un’attività libero professionale con una sede operativa sul territorio molisano.

Qui il testo del bando:

http://moliseineuropa.regione.molise.it/sites/moliseineuropa.eu/files/Avviso%20Pubblico%20311.pdf

e qui il link per i formulari:

http://moliseineuropa.regione.molise.it/node/68

Enpab

La sede dell'E.N.P.A.B. è in Via di Porta Lavernale 12, 00153 Roma.

La nostra sede è raggiungibile dalla stazione Termini con la Metro linea B direzione Laurentina fermata Piramide. Dal G.R.A. uscita n. 23 Appia e proseguire per la strada Appia antica direzione colle Aventino.

Seguici su

Gruppi riservati ai vincitori di Bandi o ai selezionati per il progetto

Contatti

Si informano gli iscritti che gli uffici dell'Ente forniranno informazioni telefoniche nei seguenti orari:

dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Tel. 06 45 54 70 11
Fax 06 45 54 70 36

Torna su