La Regione Calabria ha pubblicato l’avviso rivolto al sostegno dell’autoimpiego e dell’autoimprenditorialità di cui avevamo anticipato la notizia. Il bando è finalizzato alla concessione di incentivi economici per sostenere l'avvio di nuove iniziative imprenditoriali (lavoro autonomo o attività d’impresa) e all’offerta di servizi di tutoraggio, di accompagnamento e consulenza a supporto della creazione e sviluppo delle iniziative imprenditoriali finanziate.

Saranno finanziate le nuove imprese nonché i liberi professionisti in forma singola o associata aventi sede legale e/o sede operativa nel territorio della Regione Calabria.

L’investimento massimo ammissibile non può superare i € 40.000,00, al netto dell’IVA e deve essere realizzato in un arco temporale di 12 mesi, salvo proroga autorizzata dalla Regione.

Le agevolazioni sono concesse a titolo de minimis  nella forma di un contributo alla spesa nella misura massima di € 30.000,00 (trentamila/00), corrispondenti ad un contributo in conto capitale  nella misura del 75% dell’investimento ammissibile.

Nel caso di presentazione di domanda in forma associata il contributo massimo concedibile può essere aumentato proporzionalmente al numero di soggetti associati.

Le agevolazioni sono concesse a titolo de minimis nella forma di un contributo alla spesa commisurato al numero di soggetti associati:

Soggetti proponenti in forma associata  Investimento ammissibile Contributo massimo agevolabile 
2 soggetti € 80.000 al netto d’IVA € 60.000
3 o più soggetti € 120.000 al netto d’IVA   € 90.000

Le domande di agevolazione dovranno essere compilate on line a far data dal quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del presente Avviso sul BURC (26/04/2017) e, comunque, entro non oltre il quarantacinquesimo giorno dalla medesima data (26/05/2017).

Ai fini della candidatura occorrerà accedere, attraverso il portale http://regione.calabria.it/calabriaeuropa, alla piattaforma opportunamente predisposta, e accreditarsi, inserendo i dati anagrafici necessari, comprensivi di numero e tipo di documento di identità in corso di validità, numero di cellulare ed indirizzo email valido. Al termine della fase di accreditamento, potrà essere effettuato l’accesso alla piattaforma per compilare e caricare i documenti previsti. Il candidato si troverà in un ambiente dinamico che lo guiderà passo dopo passo fino al termine della procedura.

I contributi potranno essere erogati secondo le seguenti modalità:

  • un’anticipazione, pari al 30% del contributo concesso a fronte di garanzia fideiussoria di importo pari all’80% del contributo pubblico concesso ed alla costituzione dell’impresa;
  • seconda anticipazione, pari al 50% del contributo concesso, a fronte di presentazione di regolare rendicontazione per un importo pari al 30% del progetto, a copertura della prima anticipazione. Nelle predetta rendicontazione potrà essere inserito il costo relativo alla garanzia fideiussoria;
  • saldo a consuntivo, pari al 20% del contributo concesso, previa acquisizione dei documenti elencati nel bando e a seguito del collaudo finale dell’iniziativa

CLICCA QUI PER TUTTE LE INFO

 

 

La provincia di Bolzano ha stabilito i criteri che disciplinano la concessione degli aiuti per sostenere gli investimenti aziendali delle pmi e dei liberi professionisti (solo per la prima attività libero professionale e nei primi 5 anni di attività a decorrere dalla data di attribuzione della partita IVA).

Sono agevolabili gli investimenti per:

  • -       Installare un nuovo stabilimento
  • -       Ampliare uno stabilimento esistente
  • -       Diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiunti
  • -       Trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente

Gli investimenti devono riferirsi ad unità operative ubicate in provincia di Bolzano ed essere effettuati nel 2017.

La spesa complessiva deve andare da un minimo di 20.000€ a un massimo di 500.000€ e il contributo è a fondo perduto per il 20% della spesa per un massimo di 100.000€.

Le domande vanno presentate entro il 31 luglio 2017.

PER INFO CLICCA QUI

Il bando è finalizzato al supporto di soluzioni Ict per le attività delle libere professioni e l’implementazione di servizi e di soluzioni avanzate in grado di incidere significativamente sull’organizzazione interna, sull’applicazione delle conoscenze, sulla gestione degli studi e sulla sicurezza informatica.

I progetti dovranno contribuire a creare opportunità di sviluppo, consolidamento e valorizzazione delle attività libero professionali tramite la realizzazione d’interventi per:

  • favorire lo sviluppo, la strutturazione delle attività libero professionali e il loro riposizionamento
  • facilitare l‘affiancamento dell’attività professionale ai processi di efficientamento della pubblica amministrazione
  • incentivare gli investimenti in nuove tecnologie, innovazioni di processo, in tecnologie informatiche
  • diffondere la cultura d’impresa, dell’organizzazione e della gestione/valutazione economica dell’attività professionale
  • consolidare le realtà professionali attraverso la stabilizzazione del lavoro

Le spese ammissibili per la realizzazione degli interventi sono le seguenti:

  • I progetti per i quali viene presentata domanda di contributo dovranno avere una dimensione minima di investimento pari a complessivi € 15.000,00
  • Il contributo è concessa nella misura del 40% dell’investimento ritenuto ammissibile fino ad un  massimo di € 25.000,00.

La presentazione della domanda dovrà avvenire entro le seguenti scadenze:

  • dalle ore 10.00 del giorno 3 maggio 2017, fino alle ore 17.00 del giorno 31 maggio 2017.
  • dalle ore 10.00 del giorno 12 settembre 2017, alle ore 17.00 del giorno 10 ottobre 2017

PER INFO CLICCA QUI

 

La DG della Politica regionale ed urbana ha aperto una ricerca (scadenza il 3 gennaio 2018) per stilare un elenco di esperti esterni per il sostegno a favore della politica di coesione e dello sviluppo regionale e urbano.

Possono presentare la propria candidatura esclusivamente i liberi professionisti dei diversi paesi membri.

Incarichi che gli esperti dovranno eseguire: 

  • stesura dei capitolati d'oneri per inviti a presentare proposte e bandi di gara,
  • valutazione delle proposte per l'aggiudicazione di sovvenzioni,
  • valutazione di offerte per gare d’appalto,
  • valutazione di progetti presentati per i «RegioStars awards»,
  • partecipazione a conferenze, laboratori, seminari o riunioni,
  • stesura di documenti di consultazione e di orientamento nei settori tematici elencati sotto,
  • assistenza tecnica per il controllo e la valutazione finale di progetti pilota ed azioni preparatorie,
  • analisi costo-beneficio di progetti,
  • consulenza tecnica ed orientamento strategico (per i servizi della Commissione, ma anche per gli Stati membri su richiesta della Commissione) in uno qualunque dei seguenti settori:
  • valutazioni strategiche di politiche, strategie e piani di investimento nazionali o regionali con riguardo ai documenti di programmazione, realizzazione di piani d'azione in base a condizioni «ex ante» per il periodo di programmazione 2014-2020,
  • consulenza alla Commissione e/o ad autorità gestionali e ad altre autorità nazionali/regionali in merito alla progettazione di misure di attuazione (inclusa la semplificazione) e alla definizione di indicatori,
  • costituzione delle tappe fondamentali e degli obiettivi nel quadro delle prestazioni 2014–2020,
  • sostegno a favore della divulgazione di informazioni attraverso la preparazione di pubblicazioni specifiche, nonché di riunioni, seminari e conferenze,
  • valutazioni o revisioni tra pari di azioni pianificate/messe in opera grazie al finanziamento a valere su fondi strutturali,
  • consulenza in merito all'interruzione di programmi finanziati a valere su fondi strutturali,
  • valutazione di temi specifici, quadri giuridici nazionali (inclusi gli aiuti statali e gli strumenti finanziari) e modalità operative,
  • definizione ed elaborazione di misure di sviluppo delle capacità riguardanti tutti gli esponenti dei fondi SIE,
  • valutazione di circuiti di pagamento, sistemi di gestione e controllo,
  • coordinamento con le autorità di revisione nazionali ed i servizi della Commissione, verifica di conti, esami documentali attinenti all'audit, missioni di audit sul posto e relative azioni di controllo, campionamento statistico e non statistico,
  • valutazione di specifiche tecniche e costi unitari per lavori, servizi o forniture cofinanziati a valere sui fondi strutturali,
  • analisi socio-economiche in settori tematici e/o in paesi o (gruppi di) regioni dell'UE.

 

Tra i settori tematici:

  • Progettazione ambientale/prevenzione e gestione del rischio
  • Efficienza delle risorse: settore idrico
  • Efficienza delle risorse: settore dei rifiuti
  • Economia a basse emissioni d icarbonio
  • Adattamento al cambiamento climatico

Gli esperti verranno remunerati con un fisso di 750€ al giorno di lavoro, le spese di viaggio e soggiorno saranno rimborsate alle condizioni stabilite dal contratto.

Le candidature vanno mandate via mail all’indirizzo regio-cei-amiexperts@ec.europa.eu

La regione Lombardia ha pubblicato l'avviso "Formazione Continua" finalizzato a valorizzare il capitale umano per incrementare la competitivitá, promuovendo e migliorando le competenze professionali di uomini e donne occupati nelle attivitá lombarde, siamo essi lavoratori, imprenditori o liberi professionisti.

La singola impresa o il gruppo di imprese liberamente aggregatosi o i professionisti che intendono promuovere corsi di aggiornamento e riqualificazione del proprio personale:

  • possono prendere visione dell’elenco dei soggetti attuatori accreditati nell’elenco pubblicato nel sito della Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro, Allavoce HomeServizieinformazioniEntieOperatoriIstruzioneAccreditamentooperatori, sono riportati  i soggetti che erogano attività di formazione iscritti alle sezioni A o B dell’Albo regionale degli operatori accreditati.
  • individuare un Soggetto Attuatore con il quale definire un progetto, dettagliandolo in una o più azioni formative necessarie per sostenere le linee di sviluppo dell’impresa o delle singole imprese partecipanti, con riferimento al personale, destinatario della formazione, che deve essere in forza a unità produttive con sede nel territorio regionale della Lombardia. Le imprese non devono rientrare nelle specifiche esclusioni di cui all’art. 1 commi dal 2 al 5 del Regolamento (UE) n. 651/2014.

I progetti dovranno riguardare le tematiche:

  • processi di riorganizzazione a fronte di nuovi investimenti o l'introduzione di innovazione di processo
  • Promuovere lo sviluppo di competenze ad alto contenuto tecnico o manageriale Favorire approcci e strategie innovative di sviluppo

Non é ammessa la modalitá FAD o elearning.

I corsi devono avere una durata tra le 16 e le 64 ore e le classi devono essere al massimo di 10 allievi.

Per la presentazione vi sono diverse finestre di scadenza. CONSULTARE QUI

 

Enpab

La sede dell'E.N.P.A.B. è in Via di Porta Lavernale 12, 00153 Roma.

La nostra sede è raggiungibile dalla stazione Termini con la Metro linea B direzione Laurentina fermata Piramide. Dal G.R.A. uscita n. 23 Appia e proseguire per la strada Appia antica direzione colle Aventino.

Seguici su

Gruppi riservati ai vincitori di Bandi o ai selezionati per il progetto

Contatti

Si informano gli iscritti che gli uffici dell'Ente forniranno informazioni telefoniche nei seguenti orari:

dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Tel. 06 45 54 70 11
Fax 06 45 54 70 36

Torna su