Come abbiamo più volte detto su queste pagine, i fondi europei si divino in due macrocategorie:

  • FONDI DIRETTI: bandi finanziati ed erogati dalla Commissione: prevedono progetti transnazionali (ovvero che coinvolgono almeno 3 paesi membri);
  • FONDI INDIRETTI O STRUTTURALI: bandi finanziati dalla Commissione, ma gestiti dai paesi membri, nel caso italiano dalle Regioni; prevedono progetti basati sulle necessità del territorio regionale o nazionale e il più delle volte il professionista vi può partecipare senza altri partner;

Risulta evidente che i fondi strutturali sono quelli di maggiore interesse per i professionisti.

Oltretutto, il plafond italiano disponibile per il prossimo settennato sarà più ricco di 2,4 miliardi.

Questo perché sono cambiati alcuni parametri utilizzati per misurare la ricchezza dei paesi membri: non più solo PIL procapite, ma anche disoccupazione giovanile, emissione di gas serra, bassi livelli di istruzione e accoglienza dei migranti.

Alcune regioni italiane, prima considerate fiorenti, passeranno allo stadio “in transizione”: corrono questo rischio, ad esempio, le Marche.

Vi è un’interessante novità relativamente ai bandi diretti. Come noto i liberi professionisti sono ammessi alla partecipazione dei bandi europei in quanto la Commissione considera “Impresa” qualsiasi attività economica fonte di reddito. Quindi i liberi professionisti sono stati equiparati alle Piccole Medie Imprese.

La definizione europea di PMI, però, esorbitava dalle dimensioni degli studi professionali italiani:

Definizione europea di media impresa. Le medie imprese italiane ed europee hanno un massino di 250 unità lavorative e un fatturato inferiore o uguale ai 50 milioni di euro o un totale di bilancio annuo non superiore ai 43 milioni di euro

I bandi, quini, spesso erano difficilmente appetibili. E’, però, della settimana scorsa la risoluzione approvata in Commissione, che chiede di aggiornare la definizione dando maggiore visibilità alle microimprese:

Definizione di microimpresa. Quando si parla di microimprese ci si riferisce a quelle aziende con un numero di dipendenti inferiore alle 10 unità e che realizza un fatturato o un bilancio annuo uguale o inferiore ai 2 milioni di euro

Questo potrebbe portare a dei bandi con maggiori possibilità di accesso per i liberi professionisti italiani.

Enpab

La sede dell'E.N.P.A.B. è in Via di Porta Lavernale 12, 00153 Roma.

La nostra sede è raggiungibile dalla stazione Termini con la Metro linea B direzione Laurentina fermata Piramide. Dal G.R.A. uscita n. 23 Appia e proseguire per la strada Appia antica direzione colle Aventino.

Seguici su

Gruppi riservati ai vincitori di Bandi o ai selezionati per il progetto

Contatti

Si informano gli iscritti che gli uffici dell'Ente forniranno informazioni telefoniche nei seguenti orari:

dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Tel. 06 45 54 70 11
Fax 06 45 54 70 36

Torna su