Il Festival del lavoro anche quest’anno si presenta ricco di appuntamenti dedicati alle innovazioni legislative e in materia di occupazione e previdenza approfondite dai maggiori esperti del settore. Un momento di riflessione politica, economica e sociale dove gli attori del sistema possono confrontarsi nel trovare strategie e nuovi percorsi per dare impulso alle professioni e al lavoro. Il tema della previdenza che si è declinato nell’Isola della Previdenza moderata dalla giornalista del Sole24ore Federica Micardi ha rappresentato un momento interessante di approfondimento sul welfare e l’impegno delle Casse di previdenza coordinate da Adepp sulle visioni e proposte a sostegno del lavoro e dei redditi professionali.

Gli Enti previdenziali negli ultimi 10 anni hanno avuto un’esplosione di oltre il 20% nelle platee degli iscritti, oltre il triplo rispetto alla crescita dei lavoratori dipendenti. La fotografia che il mercato ci restituisce è di un sorpasso degli over 60 sugli under 30, ma con una benefica crescita delle iscritte donne di oltre il 36% del totale. Le posizioni reddituali hanno registrato nell’ultimo anno una crescita dell’1,5% nel reddito nominale con una forbice tra gli under 40 e gli over 50 molto dilatata (i primi guadagnano un terzo rispetto ai secondi). Anche i redditi per genere ci ricordano un gender pay gap: le libere professioniste donne, infatti, guadagnano il 38% in meno dei loro colleghi uomini. Abbastanza visibile anche il divario nord-sud: i professionisti nel meridione dichiarano un reddito del 38% inferiore rispetto ai colleghi del nord Italia, mentre i professionisti del centro Italia dichiarano il 15% in meno. Anche a livello regionale vi è un singificiativo gender pay gap che aumenta con l’aumentare dei redditi. Al nord la differenza uomo/donna è del 44%, al centro del 40%, al sud del 33%.

Il dato di notevole interesse è rappresentato dalle entrate contributive che sono aumentate del 81% in 13 anni, cosìccome il numero di prestazioni è aumentato del 45% e gli importi erogati del 71%. Per fare un esempio, rispetto alle 339mila prestazioni erogate nel 2005 con un importo di 3,5 miliardi di euro, le 492mila prestazioni erogate nel 2017 hanno avuto un importo di 6,2 miliardi di euro.

Nel 2017, la spesa complessiva per welfare ammonta a 531 milioni di euro. Aumentano le indennità di maternità e le polizze sanitarie a favore degli iscritti.
Aumentano nuovamente i prestiti a sostegno delle professioni.

Stiamo lavorando nella Commissione welfare di Adepp, che coordino, alla revisione e attualizzazione del libro bianco sul welfare dei professionisti che ci consentirà di fotografare esigenze, aspettative, criticità e punti di forza nelle nuove politiche attive oggetto delle scelte dei nostri enti. Avere una visione sulle politiche future è l’unico modo per operare oggi scelte concrete a sostegno dei redditi dei nostri professionisti con lo sguardo attento nel comprendere che sostenere i redditi significa sostenere le nostre pensioni di domani.

 

WhatsApp Image 2019 06 20 at 17.18.20                WhatsApp Image 2019 06 20 at 17.19.13

Enpab

  • Sede: Via di Porta Lavernale 12, 00153 Roma
  • Ufficio CONTRIBUTI E PRESTAZIONI e l'Ufficio ASSISTENZA sono ubicati in via della Fonte di Fauno 25 - 00153 Roma

    La nostra sede è raggiungibile dalla stazione Termini con la Metro linea B direzione Laurentina fermata Piramide. Dal G.R.A. uscita n. 23 Appia e proseguire per la strada Appia antica direzione colle Aventino.

Seguici su

Gruppi riservati ai vincitori di Bandi o ai selezionati per il progetto

Contatti

Si informano gli iscritti che gli uffici dell'Ente forniranno informazioni telefoniche nei seguenti orari:

dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Tel. 06 45 54 70 11
Fax 06 45 54 70 36

Torna su