Per venire incontro alle esigenze di molti, che hanno manifestato alcune difficoltà per la dissonanza tra le scadenze previdenziali e quelle fiscali, Enpab ha prorogato al 30 settembre il termine per la presentazione del MOD.01 (comunicazione del reddito e del volume d’affari professionale conseguito nel 2017).

Quindi non più il 7 agosto ma il 30 settembre, circa due mesi in più per poter trasmettere telematicamente le dichiarazioni previdenziali. La modalità di trasmissione on line resta immutata: basta accedere alla propria area riservata e compilare il modello riferito al reddito conseguito lo scorso anno (2017).

Una nuova Work up, le startup professionali che Enpab promuove attraverso i propri bandi e progetti, partirà a Bari in autunno.

L’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza a favore dei Biologi ha pubblicato i criteri per la selezione degli iscritti Biologi idonei allo svolgimento dell'attività professionale pratica “NUTRIZIONE OSPEDALIERA” sui dismetabolismi, le cardiopatie a genesi dismetabolica, l’approccio nutrizionale nelle nefropatie, la nutrizione nel paziente con fragilità ossea e la nutrizione in gravidanza e nel puerperio.

Oltre 160mila euro di fondi europei per le sei scuole vincitrici del bando “Competenze di cittadinanza globale” a cui hanno partecipato grazie a Enpab che le ha sostenute nell’iter procedurale, dalla scrittura del progetto, alla presentazione, alla costruzione del budget fino al suo inserimento nella piattaforma telematica del MIUR. L’educazione alla cittadinanza globale, già presente in diversi sistemi scolastici europei come ambito trasversale alle discipline umanistiche e scientifiche, in Italia è stata messa al centro di un gruppo di lavoro interministeriale (MIUR, Ministero dell’Ambiente, Ministero degli Affari Esteri) che ha portato ad inserirla come asse di lavoro specifico nel Programma Operativo Nazionale (PON 2016-2020) del Ministero dell’Istruzione.

All’interno di tale programma, il Bando Competenze di cittadinanza globale si orienta a innalzare le competenze trasversali di “cittadinanza globale” con l’obiettivo di migliorare le “attività chiave” anticipando azioni al fine di formare cittadini consapevoli e responsabili in una società moderna, connessa e interdipendente.

Le aree tematiche per gli interventi delle scuole sono state l’educazione alimentare, cibo e territorio - il benessere, corretti stili di vita, educazione motoria e sport - l’educazione ambientale - la cittadinanza economica - il civismo, rispetto delle diversità e cittadinanza attiva.

I progetti si articoleranno – dal prossimo anno scolastico 2018/2019 - in percorsi didattici all’interno delle scuole vincitrici e verteranno sulle tematiche dell’educazione alimentare. Le lezioni saranno tenute da biologi ai quali Enpab offrirà, se necessario, assistenza, formazione e materiale didattico. Quasi tutte le scuole hanno ottenuto la cifra massima stanziabile (30.000 euro a progetto).

«Dopo i primi due anni di esperienza con il Progetto Biologi nelle Scuole – ha sottolineato Tiziana Stallone – abbiamo intuito che bisognava muoversi nella direzione della progettualità finanziata. Con questo obiettivo abbiamo interessato tutte le scuole già coinvolte precedentemente nel nostro “Progetto scuola”, pubblicizzando il bando e offrendo il nostro aiuto per la scrittura del progetto e, successivamente, in caso di vittoria, per la gestione e la rendicontazione dello stesso».

Sulle 9 scuole che hanno aderito, 6 sono risultate vincitrici.

Nei progetti presentati, come lo stesso bando auspicava, è stato inserito un protocollo di intesa tra la singola scuola ed Enpab grazie al quale la Cassa, senza partecipare al budget, assume l’onere di individuare - tramite proprio bando interno - i biologi che saranno poi impegnati nei progetti.

L’assistenza alle scuole è stata totalmente gratuita e senza impegno da parte delle stesse.

«Con questo bagaglio di esperienze - ha concluso la Presidente Stallone - i Biologi saranno in grado di proporsi direttamente alle scuole di ogni ordine e grado iniziando un percorso libero professionale che garantisca loro maggiore autonomia professionale e manageriale».

Scuole Vincitrici

  • Direzione Didattica "Paolo Vetri" di Ragusa (ha ottenuto €29.971,50)
  • Istituto Comprensivo Francavilla Fontana, Brindisi (ha ottenuto €29.971,50)
  • Istituto Comprensivo Vivenza - Giovanni XXIII L’Aquila (ha ottenuto €29.867,40)
  • Istituto Comprensivo “Pascoli-Crispi” di Messina (ha ottenuto €27.210)
  • Secondo Circolo Didattico Via Firenze, Coversano, Bari (ha ottenuto €11.364,00)
  • Istituto Comprensivo G. Marconi, Livorno (ha ottenuto €29.410)

Il Progetto “Biologi nelle Scuole”, per la sensibilità dell'argomento trattato e per le note problematiche intimamente legate alla scorretta alimentazione e al mancato rispetto dell'ambiente, ha intercettato una delle aspettative, più volte manifestate non solo dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ma anche dal Ministero della Salute, per la prevenzione degli stati di sovrappeso e obesità tutt’ora presenti significativamente sul nostro territorio e al miglioramento dello stile di vita più in generale.

Il Ministero dell'Istruzione attende ormai generosamente il nostro Bando annuale, confermando la piena collaborazione a promuovere il progetto educativo, guidandoci nella individuazione degli istituti scolastici e sostenendo l'iniziativa anche nella sua fase di realizzazione.

Sensibilizzare i nostri figli a una corretta alimentazione e al rispetto dell’ambiente - rendendoli sempre più consapevoli che un cibo sano è solo frutto di un ambiente sano - risponde anche a un’altra aspettativa: lavorare insieme al nostro futuro professionale tramite azioni che attivino i meri processi assistenziali.

I numeri di quest’anno sono stati eloquenti: 360mila euro investiti nel bando, 180 borse di studio per i Biologi libero-professionisti iscritti all’Ente, 90 scuole coinvolte nel progetto.

Vediamo nascere, anno dopo anno, nuove consapevolezze. La migliore tra tutte si situa nel produrre know how utile per l’autoimprenditorialità. Abbiamo formato, in tre edizioni, oltre 1.000 biologi libero-professionisti (investendo oltre 1 milione di euro) che si sono attivati – e altri si attiveranno – nell’autopromuovere la propria professionalità nelle Scuole. Siamo stati generatori di consapevolezza, sostenendo e coadiuvando tante esperienze positive con i nostri Biologi. Possiamo dirlo: siamo felici di questo percorso di condivisione e di crescita. Grazie a tutti! Di cuore...

Ricca di contenuti e prospettive da seguire per il 2018 la nuova rivista (2/2018) sta per arrivare nella vostre case. Curata negli aspetti previdenziali lancia le prime direttive sulle politiche di attivazione a sostegno delle professioni. Tra le convenzioni l'ultimo protocollo firmato con la LILT, che prevede una partnership su servizi, formazione orizzontale e progetti europei, e il progetto Elior-Enpab per la lotta all'obesità nella ristorazione collettiva.

Enpab

  • Sede: Via di Porta Lavernale 12, 00153 Roma
  • Ufficio CONTRIBUTI E PRESTAZIONI e l'Ufficio ASSISTENZA sono ubicati in via della Fonte di Fauno 25 - 00153 Roma

    La nostra sede è raggiungibile dalla stazione Termini con la Metro linea B direzione Laurentina fermata Piramide. Dal G.R.A. uscita n. 23 Appia e proseguire per la strada Appia antica direzione colle Aventino.

Seguici su

Gruppi riservati ai vincitori di Bandi o ai selezionati per il progetto

Contatti

Si informano gli iscritti che gli uffici dell'Ente forniranno informazioni telefoniche nei seguenti orari:

dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Tel. 06 45 54 70 11
Fax 06 45 54 70 36

Torna su